Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Eurizon e Pioneer i più votati dai fondi pensione

Eurizon Capital e Pioneer sono i gestori più conosciuti e ritenuti più preparati dai fondi pensione italiani e dalle casse previdenziali. È questo in sintesi il risultato della terza indagine di Iama Monitor Gestori sul mercato previdenziale italiano, presentata a Milano, in occasione del convegno «Previdenza Integrativa, la nuova frontiera del risparmio gestito», organizzato proprio da Iama.

L’indagine punta a evidenziare le caratteristiche dei money manager e le esigenze dei loro clienti, in modo da far dialogare gli attori del settore e far circolare le informazioni in un contesto trasparente. I risultati sintetizzano le cinquanta risposte al questionario di Iama, ricevute dai fondi pensione negoziali, ai preesistenti, agli aperti e alle casse privatizzate, che rappresentano il 9% delle forme previdenziali e il 20% delle masse in gestione. Alle Sgr dei due principali gruppi bancari italiani – che raccolgono non a caso il maggior numero di mandati dagli stessi fondi – vanno i voti migliori: con 20 citazioni su 50 il gestore più conosciuto quest’anno è Pioneer, controllata da UniCredit, che ha scavalcato Eurizon di Intesa Sanpaolo, con 17 citazioni, in testa l’anno scorso. Eurizon segue ad un passo l’asset management dell’istituto di credito di piazza Cordusio. Seguono in questa graduatoria altri player nazionali come Arca e Generali, ma cresce la notorietà dei gestori internazionali: in particolare di Axa, mai citata due anni fa in occasione della prima indagine e ora "premiata" da sei citazioni. La classifica dei gestori percepiti più preparati da tutti i fondi pensione conferma la crescente considerazione dei gestori esteri: salgono Jp Morgan, la stessa Axa, ma anche Allianz che si attesta al terzo posto dietro ai leader nazionali ossia Eurizon, davanti a Pioneer, che scala posizioni dal quinto posto dell’anno scorso al secondo di quest’anno. I due gestori si invertono le posizioni nella sotto classifica tra i fondi che affidano in delega i mandati. Ma tra chi non delega all’esterno il proprio patrimonio le opinioni sono diverse: Eurizon è sempre in testa ma dietro c’è Arca, Generali, Allianz e, solo quinta, Pioneer. Centrale nell’indagine di Iama Monitor, il tema dei criteri di scelta delle deleghe esterne di gestione, opzione seguita dal 78% del campione analizzato. Il controllo del rischio è il tema principale per tutte le tipologie previdenziali. Ma se gli aperti considerano prioritario il supporto di un team dedicato e l’affidabilità del gruppo di appartenenza, i negoziali guardano con più attenzione le commissioni di gestione. L’indagine di Iama registra inoltre anche altre differenze: con i negoziali più inclini a scegliere gestori italiani e le compagnie assicurative per le linee garantite, mentre aperti, casse e preesistenti guardano con più attenzione i gestori internazionali e gli asset manager per le linee garantite.