Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Pensioni, ecco i numeri della flessibilità secondo Tito Boeri (Inps)

In molti, soprattutto i sindacati, avevano detto che non era suo compito. Ma Tito Boeri, presidente dell’Inps voluto da Matteo Renzi, si è preso il suo tempo e ha stilato la sua proposta di revisione del sistema previdenziale italiano. Sedici articoli per 69 pagine in cui si spiega cosa c’è da camiare per rendere il sistema italiano più adeguato senza ridurre la sostenibilità dei conti. Ecco una sintesi:

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-11-05/inps-riforma-dell-assistenza-tagli-230mila-nuclei-ricchi–142238.shtml?uuid=ACdUW6TBE

Ed ecco il documento dell’Inps “Non per cassa, ma per equità):

http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/Editrice/ILSOLE24ORE/ILSOLE24ORE/Online/_Oggetti_Correlati/Documenti/Notizie/2015/11/proposta-inps.pdf

Centrale, a pagina 12, il tema dell’anticipazione del momento in cui andare in pensione. Le tabelle esplicitano quale sarebbe la decurtazione per i lavoratori che decidano per vari motivi di andare in pensione prima del tempo. Una decurtazione che vale dal’1,5 al 3% per chi anticipa la pensione di un anno, dal 3 al 6,5% per chi anticipa di due e dal 4,5 al 9,4% per chi anticipa di tre. E’ un cambio accettabile? Qualhe settimana fa avevo chiesto in questa sede quanto era accettabile per i lavoratori, la flessibilizzazione della loro pensione. Questo è il momento di dare ua risposta.

  • Tonio G |

    Se in ragione dell’aspettativa in vita e della ‘cassa’ volessimo introdurre una ‘penale’ per l’anticipo pensionistico, è altrettanto ragionevole – tenuto conto anche della minore spesa assicurativa per sanità e welfare come della maggiore efficienza del ‘sistema lavoro’ – che venga concesso un ‘bonus’ per chi è seriamente invalido e/o handicappato e/o prescritto dal medico del lavoro competente.

  • fabio |

    Dovrei avere i conti sotto mano perchè non è facile sapere quanto si percepirà però in linea di massima sarei disposto a rinunciare ad una percentuale per uscire dal lavoro in anticipo lasciando spazio ai giovani. Credo che tutto il sistema ne gioverebbe ed aumenterebbero i consumi interni.

  • Andrea |

    Praticamente se uno anticipa di tre anni l’uscita perchè per l’azienda è vecchio oppure perchè l’impresa chuide, l’ipotetica integraione della pensione integrativa che sta sui 10-12% viene mangiato in questa maniera…

    Ottima cosa!

  • PASQUALE FORTUNATO |

    È una proposta accettabile perché sembra equa.

  Post Precedente
Post Successivo