Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Quanto prenderà di pensione un precario?

Non potevano mancare commenti e reazioni alle parole del presidente dell'Inps di qualche giorno fa: "Se dovessimo dare la simulazione della pensione ai parasubordinati" – ha dichiarato Antonio Mastrapasqua- "rischieremmo un sommovimento sociale." Autonomi e precari temono che un sistema pensionistico iniquo li constringa a versare contributi anche consistenti, pagando la pensione a chi riesce a maturarla. Senza però poter contare sulla medesima prospettiva. Debora Rosciani ne parla con Marco lo Conte de Il Sole 24 Ore – Plus24, Maria Rosa Gheido, consulente del lavoro ed esperta in materia previdenziale per Il Sole 24 ore e Francesco Bogliari, direttore de Il giornale delle partite Iva.

Ascolta la puntata:

http://www.radio24.ilsole24ore.com/main.php?dirprog=Salvadanaio

Se avete quesiti o commenti sull’argomento, scriveteli qui di seguito.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

  • ivan800 |

    il problema è che prima la dc pur di bloccare il comunismo ha elargito a più non posso adesso con il crollo del muro di berlino e la conseguente globalizzazione tutte le conquiste sociali degli anni 60 e 70 stanno venendo meno così le pensioni così la scala mobile così l’equo canone così il lavoro con la precarietà introdotta con il pacchetto treu e la legge 30.

  • paolo stella |

    Non penso che il problema posto riguardi solo i precari che, per la loro stessa condizione lavorativa instabile, non matureranno un trattamento adeguato.
    Penso invece a tutti quei dipendenti stabili attuali il cui futuro calcolo pensionistico avverrà solo su base contributiva, alla faccia di coloro che oggi hanno fruito di un vantaggioso calcolo retributivo e magari anche di un precoce pensionamento.
    Consumi futuri in calo quindi e disagio sociale che aumenta, assieme alla spesa pubblica, grazie ad una crescente precarizzazione degli impieghi, alla tenace conservazione dei privilegi sociali, alla negazione della mobilità sociale e della concorrenza economica.
    Tutto ciò, paradossalmente, in una società che vorrebbe invece, ma solo a parole, essere avanzata, progressista ed anche soprattutto lungimirante.

  • Ciuvak |

    409,05 € mensili. Molto probabilmente questa cifra attualizata. E non é nemmeno una pensione ma l’assegno sociale che si da soltanto agli anziani nullatenenti dopo i 65 anni con 25 anni di contributi.

  Post Precedente
Post Successivo