Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Quanto soffre il mercato immobiliare (nella mente dei risparmiatori)

Torniamo su un tema recentemente monitorato, perché merita una sottolineatura questa notizia fonte dalla Banca d’Italia, che rappresenta l’ennesima conferma a quanto scritto in precedenza. Il mercato immobiliare italiano continua a soffrire, nonostante qualche segnale di ripresa, ma ciò che stupisce è il peso che il mattone ha nella mente dei risparmiatori. I risultati del sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia vendute o affittate nel primo semestre dell’anno dalle agenzie immobiliari, fornisce dati molto interessanti, ma soprattutto contrastanti e per alcuni versi contradditori: aumentano le vendite (68,1% degli agenti a giugno contro il 64% di aprile) e sale seppur di poco il finanziamento dell’acquisto via mutuo.

L’indagine parla anche di un rallentamento della discesa dei prezzi,  per il 67% delle agenzie (il 70% tre mesi prima); dall’altra parte il mercato immobiliare italiano mostra segni di inefficacia crescente e si conferma il regno delle distorsioni psicologiche: tra le cause che portano alla revoca del mandato da parte di un venditore all’agenzia, infatti, c’è innanzitutto l’assenza di proposte di acquisto dovute a richieste di prezzo eccessive (62,4%); seguono tra i motivi le proposte d’acquisto a valori troppo bassi (55,1%, si potevano dare nel sondaggio tre risposte), quindi le difficoltà per i reperimento dei mutui (34,2%). Solo al 29,1% l’eccesso di tempo trascorso dal conferimento del mandato: il che conferma l’elasticità di questo fattore, su cui si scarica una parte importante dell’inefficienza del mercato, che altrimenti si ripercuoterebbe sui prezzi degli immobili. Non a caso i tempi per trovare un’acquirente aumentano sempre più: dagli 8,8 mesi del secondo trimestre 2013 ai 9,3 dell’aprile scorso.

Colpisce inoltre la differenza rilevante tra la percezione che gli agenti immobiliari hanno tra le prospettive del contesto generale e quello della propria area d’azione: in entrambi i casi si prevede un peggioramento del mercato, ma il clima è visto rosa nel proprio ambito; chi è ottimista è il 17,3% del totale (erano solo il 3,8% un anno fa), una quota che arriva a insidiare chi vede nero, il 19,6% (il 47,3% dodici mesi fa); contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare i pessimisti sulla situazione generale sono scesi al 28,3% (il 55,9% un anno fa), molti di più comunque rispetto al 9,5% degli ottimisti (il 2,6% un anno fa). E per i prossimi due anni tutti sono sempre più ottimisti.

I risultati dell’indagine di Banca d’Italia confermano l’effetto provocato dalla miscela di mattone e aspettative nella percezione del settore immobiliare, anche tra gli operatori economici che più degli altri dovrebbero governare la materia in modo lucido, programmato e razionale, ma anche i clienti, spesso poco consapevoli di quello che accade al mercato e non di rado di cioò vogliono. Perché la vera domanda che non trova risposta è: ma quanto vale quell’appartamento?