Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Borse, ecco le tre ragioni per cui nulla sarà più come prima

Tre indizi forse non fanno una prova, destano almeno un sospetto: che sia finita l’epoca in cui nei tassi di interesse dei bond erano inglobati il costo della liquidità, più il merito di credito dell’emittente, più la duration. Per decenni il mercato del reddito fisso ha vissuto quello che alcuni definiscono un rally secolare (secondo altri millenario). Il reddito fisso ha rappresentato a lungo il baricentro in tutti i portafogli, del pubblico retail così come degli istituzionali. Un ruolo ora messo in pesante discussione da tre fattori. Innanzitutto l’effetto dell’operazione di Quantitative easing da parte delle banche centrali, la Bce in Europa.

jens_weidmann

Lunghe discettazioni sul tapering non hanno trovato finora conferma nelle prospettive indicate dai banchieri centrali di Francoforte. Che la fine del Qe sia nell’agenda del successore di Mario Draghi è tutto da dimostrare: il frequentatore di birrerie di Brema potrà pure rimpiangere i bei tempi in cui Bund e Schatz davano “bei rendimenti”, ma Jens Weidmann, candidato a succedere a Draghi, sa bene che grazie alla determinazione del collega italiano la Germania risparmia ogni anno decine di miliardi di euro in interessi sul proprio debito. Ciò fa del Qe un’attività senza data di scadenza, appiattendo i tassi del mercato obbligazionario indefinitamente. Il secondo indizio è correlato: l’emissione di un titolo di Stato a 100 anni, come quello lanciato in settimana dall’Austria, con un tasso quasi identico rispetto al corrispettivo decennale Usa (stesso rating), segue molte emissioni analoghe e a lunga scadenza (Italia a 50 anni pochi mesi fa). Si va verso emissioni praticamente senza restituzione del capitale?

iphonex-facce

Finora per rispondere a domande come questa finora abbiamo chiesto ai big dell’asset management. Dovremmo includere anche i tesorieri di società come Google, Apple, Facebook, Oracle, Microsoft e Cisco System ed Amazon: insieme hanno 600 miliardi liquidi e il 5% del mercato dei corporate bond. Un’esposizione che vorrebbero ridurre (ma senza grandi alternative). Sono soprattutto loro ad avere il sospetto che nulla sarà più come prima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA